Sullo scouting dei piccoli editori e su ADIEU MON CŒUR di Angelo Calvisi

Gauld_New Yorker_october

Qualche considerazione sull’importanza del lavoro di ricerca dei piccoli editori e su Adieu mon cœur di Angelo Calvisi

Dalia Oggero, editor della narrativa italiana Einaudi, ha dichiarato in un’intervista che in casa editrice arrivano circa 8000 inediti ogni anno: per quanto possa essere ampia e professionale la rete di collaboratori di un grande editore, è chiaro come risulti improbo individuare in una tale massa di manoscritti quelli degni di attenzione. Non sorprende allora che sempre più spesso il lavoro di scouting venga caparbiamente condotto dalle piccole realtà che, non potendo sperare di pubblicare le opere di scrittori già affermati, sono costrette a cercare chi il proprio talento non lo abbia ancora dimostrato o a lusingare autori di qualità che, chissà perché, non sono ancora stati notati dai big dell’editoria: di tanto in tanto ci riescono (penso a Tunué con Luciano Funetta o a Neo con Paolo Zardi), più spesso si devono accontentare di stampare chi semplicemente sa scrivere o, più tristemente, sa vendere. Insomma, non è poi così frequente leggere della buona narrativa italiana pubblicata da piccoli editori, ma il loro lavoro di ricerca è indispensabile e riserva talvolta delle belle e inaspettate sorprese.
Ammetto che sino a un mese fa non avevo mai sentito parlare di CasaSirio Editore per cui, quando Angelo Calvisi mi ha segnalato che aveva pubblicato con loro un suo romanzo, ho meschinamente preso tempo. Eppure che Calvisi sappia scrivere me ne ero accorto quando mi era arrivata una sua raccolta di racconti inediti sotto lo pseudonimo di Manuel Bernasconi (tra questi c’era Il principe dei romanzieri sconosciuti); ma si sa, il romanzo ha un altro passo e poi c’è sempre il pregiudizio, lo si ammetta o meno, che se a pubblicarti sia un editore semi o del tutto sconosciuto sia perché non hai scritto nulla di che. Quando però Claudia Lamma (il cui ottimo esordio uscirà in autunno per CaratteriMobili) mi ha consigliato Adieu mon cœur, ho finalmente deposto la diffidenza. Continua a leggere

Annunci