ROSA SHOCKING di Adam Levin, recensione – About short stories

cover rosa shocking_adam levin_clichyLa raccolta di racconti di Adam Levin pubblicata dalle Edizioni Clichy

Prosegue con Rosa shocking il percorso di Black Coffee, la collana di narrativa nordamericana delle Edizioni Clichy curata da Leonardo Taiuti e da Sara Reggiani; quest’ultima è anche la traduttrice dei racconti di Adam Levin, giovane scrittore statunitense che ha esordito nel 2010 con il romanzo The Instructions.
I testi raccolti in Rosa shocking sono incentrati sui cortocircuiti della comunicazione e sui coni d’ombra delle relazioni umane, ma a prevalere è comunque un tono ironico e scanzonato, che mette in risalto gli aspetti grotteschi di ciascuna esistenza e di ogni tragedia. Sebbene questa tendenza parodistica venga spesso ben dosata da Levin, nel primo racconto, Frankewittgenstein, insieme al ritmo troppo accelerato, può lasciare un po’ perplessi; qui come altrove però lo spunto narrativo è decisamente originale: l’inventiva è una delle indubbie doti dell’autore, così come la scelta di prospettive spiazzanti, rese spesso ancor più efficaci dalla predilezione per i narratori interni. Continua a leggere

Annunci