La teoria e la pratica del racconto per Ferruccio Parazzoli

inventare il mondo, parazzoli, bannerInventare il mondo – Teoria e pratica del racconto (Garzanti) è un breve trattato sulla scrittura, con innumerevoli suggerimenti di lettura; il suo autore, Ferruccio Parazzoli, oltre che romanziere e saggista, è stato editor e direttore di collana della Mondadori. Qui di seguito si riportano alcuni brani del suo testo.

Lo scrittore è il medium attorno al quale si vengono ammucchiando caterve di materiali, per attrazione, per magnetismo, all’atto stesso in cui la linea verticale dell’arte – il narrare – entra a contatto con la linea orizzontale della molteplicità. Lo scrittore trasceglie, ammucchia, costruisce assemblando. Identifica, cataloga il mondo delle apparenze, ne dispone i reperti in un gioco di rimandi, di specchi, di moltiplicazione o riduzione.

Il personaggio, anche quando è protagonista, non può mai essere presente come totalmente emerso, ma solo con una maggiore o minore parte di sé; c’è sempre una parte che, seppure presente, resta sommersa: è quanto si usa definire «spessore» del personaggio.

Poiché stiamo parlando della trama, se sia sempre necessaria, se potrebbe essere una gabbia o una rete di sicurezza, sempre più per chi scrive, viene intesa come una gabbia. Per chi legge è ancora percepita come una rete che mi conduce, mi porta, mi rimanda dalla sera prima alla sera dopo, quando riprenderò a leggere: ha una funzione pratica.

Se non sentiamo una voce dentro di noi che precede il fatto di esprimere, non riusciremo a scrivere. Se non volontaristicamente: invece di scrivere si compila. Un articolo posso anche compilarlo, ma un racconto, un romanzo non lo si compila, nascerebbe morto. Continua a leggere

Annunci