Vita da editor (68)

Editore: Se mi indica il suo indirizzo di residenza, le invio una cartolina di auguri e le ultime pubblicazioni.

Editor: Oh, che gentile! Lo trova sulla fattura che le ho spedito tre mesi fa e che non è ancora stata saldata…

#

Vita da editor (67):
https://giovannituri.wordpress.com/2015/11/09/vita-da-editor-67/

 

Vita da editor (67)

Scrittore: Sto lavorando a un thriller alla Philip Roth.

Editor: Ma Philip Roth non ha scritto thriller.

Scrittore: Ah, devo essermi confuso…

Editor: E a chi volevi riferirti?

Scrittore: Se lo sapessi non mi sarei confuso, no?

#

Vita da editor (66):
https://giovannituri.wordpress.com/2015/07/28/vita-da-editor-66/

Servizi editoriali:
https://giovannituri.wordpress.com/servizi-editoriali/

Vita da editor (66)

Editor: Pronto? Dimmi, ti è arrivata la mail con le indicazioni di editing?

Scrittore: Ciao, sì. È di questo che volevo parlarti…

Editor: Ah, qualcosa non va? Sei in disaccordo con alcune osservazioni?

Scrittore: No, vedi… è che mia figlia è in vacanza e non so aprire la casella di posta.

#

Vita da editor (65):
https://giovannituri.wordpress.com/2015/06/18/vita-da-editor-65/

Servizi editoriali:
https://giovannituri.wordpress.com/servizi-editoriali/

Vita da editor (65)

Scrittore: Non mi presento perché sono certo che, se non ha letto il mio celebre romanzo d’esordio, avrà comunque sentito parlare di me.

Editor: Mi perdoni, ma in verità non conosco né lei né la casa editrice con cui ha pubblicato i suoi libri.

Scrittore: Beh, è una piccola realtà, di cui sono anche il direttore editoriale.

Editor: Nonché l’autore più prolifico a quanto vedo: metà dei romanzi in catalogo sono suoi…

Scrittore: Oh sì, ma è solo un caso.

#

Vita da editor (64):
https://giovannituri.wordpress.com/2015/05/27/vita-da-editor-64/

Servizi editoriali:
https://giovannituri.wordpress.com/servizi-editoriali/

Intervista ad Angelo Biasella, direttore editoriale della Neo Edizioni

Logo Neo Edizioni NeroAngelo Biasella è il direttore editoriale e l’editor della Neo Edizioni, da lui fondata nel 2008 insieme a Francesco Coscioni.

Quale percorso ha portato te e Francesco Coscioni a creare la Neo Edizioni? Quali sono state le tue precedenti esperienze in ambito editoriale?
Francesco è laureato in Scienze della Comunicazione e ha lavorato come direttore marketing in una nota azienda di moda; io ho un’inutile laurea in Scienze Politiche, una tessera da pubblicista e trascorsi, abbastanza travagliati, tra giornalismo ed editoria. Di fondare una casa editrice se ne parlava da più di un decennio ma erano solo pop-up che affioravano alle feste comandate e svanivano finiti gli slanci pasqua-natalizi (siamo cugini di sangue). L’idea di farla davvero la cazzata ha preso corpo un imprecisato giorno del giugno 2007. Stanchi dei rispettivi lavori, ci siamo detti che era il momento di provare. Allora, focalizzato il Ki e aperti i chakra alla bell’e meglio, siamo partiti alla volta di Roma per formarci e informarci. Un anno di presa di coscienza ed è spuntata la Neo Edizioni.

Come proporre un testo alla tua attenzione e quali errori evitare?
Dato che ne arrivano parecchi, la mia attenzione deve essere catalizzata già dalla mail di presentazione. Il contenuto deve essere “esatto”: deve essere esaustivo ma non prolisso, deve spiegare ma non svelare, deve contenere i prodromi dello stile dell’autore e deve recare in sé una promessa di paradiso. Oltre a questo, non sarebbe male se gli autori che si approcciano a noi avessero letto almeno uno dei titoli che abbiamo in catalogo. Capisco che, ormai, provarci non costa che un click ma l’invio a tappeto è un’indelicatezza che abbiamo sempre avversato. Continua a leggere

LETTERA A UN EDITOR, un racconto di Antonio Lillo

office in a small city_edward hopper

Egregio Editore,
anzi editor, perché credo che all’Editore questa cosa non arriverà mai, a meno che non si decida di farne dei soldi. Caro editor, allora – e sappiamo entrambi che una minuscola davanti al nome e una lettera mancante marcano bene la differenza, ci rendono più simili.
Caro editor, sono qui a proporti questa mia raccolta di racconti di cui forse, dopo tutti i manoscritti, gli strafalcioni incomprensibili, i capolavori incompresi, cinico e duro a tutto ciò che è scrittura come sarai diventato, non te ne fregherà nulla, ma l’indifferenza è reciproca perché per quanto mi riguarda, sei solo una sagoma sfocata dall’altra parte del foglio di carta, l’ombra cinese che mi divide dal mio sogno di pubblicare, sei il mio peggior nemico adesso, più di me stesso. Continua a leggere