LO STRADONE di Francesco Pecoraro e la distopia del presente

Francesco Pecoraro

Foto di Francesco Pecoraro tratta da http://www.illibraio.it

Un’opera che indaga il trascolorare del Novecento nel nuovo secolo

Pubblicato da Ponte alle Grazie lo scorso marzo, Lo stradone di Francesco Pecoraro è stato candidato al Premio Campiello, risultando tra le opere selezionate dalla Giuria dei Letterati, ed è arrivato terzo nella seconda classifica di qualità promossa da L’indiscreto. Eppure i giudizi critici e dei lettori sono contrastati: c’è chi accusa l’autore di cinismo, trascurando che il narratore non è mai un suo alter ego fedele (e se anche lo fosse importerebbe poco, altrimenti dovremmo condannare anche capolavori come Viaggio al termine della notte di Louis-Ferdinand Céline) e che: «Il cinismo sarà anche sbagliato, cioè cinico, ma una chiave di lettura te la dà e di solito funziona». Continua a leggere

Annunci

TIROIDE, l’esordio letterario di Marco Parlato

Tiroide CoverTiroide (Gorilla Sapiens Edizioni), il romanzo d’esordio di Marco Parlato, racconta la storia di Stefano: uno studente universitario, di origini campane, che cerca di sopravvivere alla quotidianità caotica della capitale, all’ipertiroidismo e alla misantropia, inframezzando le sue giornate con la lettura di brani del diario di uno straniero; sarà proprio questo testo, reperito accidentalmente, a segnare la svolta del finale (che – purtroppo – oltrepassa il territorio liminale del grottesco che altrove Parlato percorre con grande abilità).
La narrazione in prima persona del disilluso protagonista genera una scrittura ironica peculiare ed efficace, che contribuisce a fare di Tiroide un romanzo di intrattenimento sì, ma non banale.
Marco, quando hai iniziato a scrivere Tiroide e spinto da cosa?
Ricordo che nel 2010 stavo ordinando diversi appunti, e che verso fine anno esisteva già qualche capitolo embrionale su cui avevo le idee chiare – concetto da affrontare con prudenza. Ero spinto dalla banale convinzione di avere una buona storia da raccontare.
Come sei giunto alla Gorilla Sapiens Edizioni? Come e con chi hai lavorato all’editing e alla redazione del romanzo? Continua a leggere