Nuovi promettenti autori italiani e qualche consiglio a chi aspiri a diventarlo

libri visti dall'altoL’importanza della piccolo-media editoria, delle agenzie letterarie e delle riviste per dar voce agli scrittori emergenti: gli esempi di Roberto Camurri, Michele Orti Manara e Paolo Pecere

Esauritasi la “moda degli esordienti”, lanciata un decennio fa dal successo della Solitudine dei numeri primi di Paolo Giordano, a dar spazio ai nuovi autori sono tornati in prevalenza i piccoli e medi editori, come già rilevavo in un post di un paio di anni fa. Ebbene, è ancora su di loro che dovrebbero puntare gli scrittori emergenti o aspiranti tali, ma tenendo conto di alcune evidenze: valutare centinaia di testi, con la prospettiva di trovarne uno apprezzabile ogni cinquanta e più, è un lavoro improbo e poco proficuo, perciò è diventato sempre più importante il ruolo degli agenti letterari. Costoro, se svolgono seriamente il proprio lavoro, non solo selezionano le opere che ritengono interessanti, ma le propongono poi a quegli editori che pubblicano libri di quel genere: di conseguenza il testo giunge sul desktop di chi lo valuterà attraverso una corsia preferenziale e a traffico ridotto. Continua a leggere

Annunci

“Cordiali saluti” – Vita da editor e da blogger (74)

Aspiranti scritttori, mail e lettere di presentazioneUna selezione delle mail raccolte nella cartella “Anche no” e degli scambi avuti su Messenger negli ultimi mesi, così se dovessi diventare un misantropo potrete fare a meno di chiedermi come mai.

Mail all’editor

1.
Gentili Sig.ri,
vi invio questa per farvi notare il mio libro, già sul mercato SOLO IN FORMATO E-BOOK, che in breve ha suscitato reazioni positive e alquanto di impressione. A partire dal titolo:
XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX
Il titolo colpisce e spaventa, il contenuto diverte, il finale sconcerta.
Dal punto di vista letterario questa tematica ATTUALISSIMA è stata approcciata da me per la prima volta in campo letterario. È uno squarcio psicologico in chiave falsamente umoristica.
Vi pregherei di leggere le recensioni e valutare commercialmente il valore di tale libro.
Vi conviene! Continua a leggere

LETTERA A UN EDITOR, un racconto di Antonio Lillo

office in a small city_edward hopper

Egregio Editore,
anzi editor, perché credo che all’Editore questa cosa non arriverà mai, a meno che non si decida di farne dei soldi. Caro editor, allora – e sappiamo entrambi che una minuscola davanti al nome e una lettera mancante marcano bene la differenza, ci rendono più simili.
Caro editor, sono qui a proporti questa mia raccolta di racconti di cui forse, dopo tutti i manoscritti, gli strafalcioni incomprensibili, i capolavori incompresi, cinico e duro a tutto ciò che è scrittura come sarai diventato, non te ne fregherà nulla, ma l’indifferenza è reciproca perché per quanto mi riguarda, sei solo una sagoma sfocata dall’altra parte del foglio di carta, l’ombra cinese che mi divide dal mio sogno di pubblicare, sei il mio peggior nemico adesso, più di me stesso. Continua a leggere

Luca Ricci – Professione scrittore 12

Luca Ricci_scrittore

Luca Ricci ha esordito a ventisei anni con una silloge di brevi narrazioni, Duepigrecoerre d’amore (Addictions, 2000), a cui sono seguite due raccolte di racconti: Il piede nel letto (Alacràn, 2005) e L’amore e altre forme d’odio (Einaudi, 2006, vincitore del Premio Chiara). A eccezione di Come scrivere un best seller in 57 giorni (Laterza), le sue successive opere sono state tutte pubblicate da Einaudi. Il suo nome risulta tra quelli antologizzati da Andrea Cortellessa in Narratori degli Anni Zero (riproposto lo scorso anno da L’Orma con il titolo La terra della prosa).

Quando e perché hai iniziato a scrivere?
Ho iniziato a scrivere seriamente dopo un clamoroso fallimento artistico. Per evitare l’università – che all’epoca mi sembrava soltanto replicare certe insensate dinamiche liceali – ero andato alla Paolo Grassi di Milano a fare l’attore, ma dopo pochi mesi mi resi conto che non era nient’altro che un’altra scuola, per lo più popolata da velleitari, e io ne avevo piene le scatole di registri e campanelle. Tornai in provincia e tutto mi si chiarì, grazie anche a un mal di gola ostinato che non ne voleva saperne di guarire. Incontrai un momento esistenziale perfetto per cominciare a scrivere: mi sentivo come bruciato, perso. La scrittura è sempre una forma di rivalsa, di compensazione. Per me è stata un’ultima spiaggia più che una seconda carriera (i romanzi del semiologo Umberto Eco) o il lato oscuro di una persona altrimenti irreprensibile (l’assicuratore Franz Kafka).

Come nasce la tua predilezione per la forma del racconto e perché secondo te ha così poca fortuna in Italia?
Rispondo con un racconto breve, perché ormai mi sono abituato così. Verso i nove anni passavo il pomeriggio nell’ufficio di mia madre. Lì ebbi il mio primo incontro con una vera macchina da scrivere, e produssi il mio primo racconto. Dopo poche righe però mi pareva di aver detto tutto quanto avrei voluto dire. Allora chiesi a mia madre: “Mamma, ma come fanno gli scrittori a scrivere così tanto, a fare quei libri così grossi?” In un certo modo, me lo sono continuato a chiedere fino a oggi. Il romanzo naturalmente è una forma letteraria complessa e affascinante – come si fa a parlarne male? –, tuttavia penso che sia una narrazione lunga che contiene necessariamente alcune cose sbagliate. Sono d’accordo con Edgar Allan Poe, credo che il romanzo nasca esteticamente fallato. Quanto alla poca fortuna editoriale del racconto, le ragioni sono molteplici. Di sicuro l’Italia storicamente ha avuto nella poesia la forma antagonista al romanzo. Nonostante ciò, nel Novecento i nostri scrittori di racconti sono stati grandissimi: se Dino Buzzati fosse nato in Inghilterra o in Francia sarebbe un eroe nazionale. Continua a leggere

Vita da editor (61)

Scrittore: Non mi è ben chiaro a cosa serva l’editing.

Editor: A rilevare, oltre ai refusi, le incongruenze stilistiche e le carenze strutturali di un’opera, i passaggi narrativi affrettati e quelli poco efficaci, la coerenza dei personaggi e la credibilità dell’ambientazione; insomma, l’editor deve indicare tutto ciò che potrebbe essere migliorato dall’autore.

Scrittore: Allora non ne ho bisogno, ho già riletto il mio manoscritto ed è perfetto.

Editor: …

#

Vita da editor (60):
https://giovannituri.wordpress.com/2014/12/10/vita-da-editor-60/

Servizi editoriali:
https://giovannituri.wordpress.com/servizi-editoriali/

Alessandra Sarchi – Professione scrittore 11

????????

Alessandra Sarchi, studiosa di storia dell’arte con un dottorato di ricerca all’Università Ca’ Foscari di Venezia, ha esordito nel 2008 con una raccolta di racconti: Segni sottili e clandestini (Diabasis); successivamente sono stati pubblicati da Einaudi Stile libero i romanzi Violazione (vincitore del premio “Paolo Volponi Opera prima”) e L’amore normale.
Il suo sito internet è: http://www.alessandrasarchi.it/.

Quando e perché hai iniziato a scrivere?
Ho scritto fin da quando ero piccola. Quaderni di favole e rielaborazioni di fumetti o cartoni animati che facevo incollando figure e frasi. Scrivere era soprattutto un tentativo di rielaborare il vissuto, o il visto, riprodurne l’essenza a parole, stupendomi ogni volta che fosse così inafferrabile. Credo di aver sempre avuto un’attrazione mimetica per la vita: riprodurla, ricrearla. Ho continuato a scrivere al liceo e all’università. L’intento di scrivere per pubblicare si è manifestato però relativamente tardi, per molto tempo ho schiacciato la scrittura espressiva o creativa dentro le maglie di quella della critica d’arte. Un grave incidente d’auto mi ha messo davanti all’evidenza che non potevo rimandare all’infinito un’urgenza che fino a quel punto ero riuscita a dirottare altrove. Ho capito che il tempo non era infinito davanti a me, e dovevo concentrarmi su quella che mi sembrava la priorità.

Come sei giunta alla casa editrice del tuo esordio, Diabasis, e quando hai deciso di affidarti all’Agenzia Letteraria Internazionale (Ali)?
Il mio incontro con Diabasis è avvenuto grazie ad Alessandro Scansani che ne è stato direttore editoriale fino a qualche anno fa, quando è venuto mancare. Scansani lesse i miei racconti e decise di pubblicarli senza molti indugi, essendo un piccolo editore con un catalogo solido e ben costruito poteva permettersi scelte personalissime e anche rischiose, come pubblicare i racconti di una esordiente come me. L’agenzia Ali mi ha cercato dopo l’uscita di Violazione, il mio primo romanzo, pubblicato con Einaudi Stile libero. Ali è una delle più antiche agenzie letterarie in Italia, con un numero di autori ‘classici’ moderni notevole, credo che all’epoca e tuttora stessero facendo una campagna di apertura a nuovi autori di cui gestire i diritti.

Cosa ha rappresentato per te pubblicare i successivi due romanzi con Einaudi Stile libero?
L’incontro con Einaudi è avvenuto tramite Giulio Mozzi che all’epoca, 2010, ne era consulente. Giulio, Rosella Postorino, Severino Cesari e Paolo Repetti sono stati, e sono, interlocutori importanti che mi hanno aiutato a misurarmi con i meccanismi della grande editoria. Tutto quello che viene prima e dopo la pubblicazione di un libro. Non è stato tutto rose e fiori, gli autori Einaudi sono tanti e di qualità, talora si avverte la competizione interna, talora si ha l’impressione di essere una delle tante pedine di questa roulette russa che pare essere oggi l’editoria. Ma questo, un po’ come avviene con gli attacchi batterici, dovrebbe rafforzare le difese di chi vuole scrivere e la convinzione in quello che intende fare. Oggi ci sono tanti modi per essere scrittori, spesso legati alla proiezione di una certa immagine di sé, costruita attraverso i media, o fatti extra-letterari. Qualche volta mi trovo a invidiare una scelta come quella di Elena Ferrante che da sempre ha precluso l’accesso alla propria identità e vita privata, si tratta di una scelta estrema e che probabilmente riesce solo laddove l’autore ha una seconda vita. Io che invece ho deciso di essere l’autrice di Violazione e de L’amore normale ho anche scelto, inevitabilmente, di far coincidere buone fette della mia identità con quei romanzi. E questo direi che è il cambiamento più vistoso avvenuto dopo la loro pubblicazione, per chi li ha letti e mi parla: io sono anche i miei libri. Continua a leggere

Presentazione della SCUOLA DEL RACCONTO e intervista a Guido Conti

La scuola del racconto_Guido ContiOggi in allegato con il «Corriere della Sera» L’arte di leggere con i racconti di Anton Čechov, il primo dei dodici volumetti della Scuola del racconto: collana a cura di Guido Conti, a cui ho rivolto qualche domanda.

Sono un’infinità i manuali di scrittura che, attraverso regole ed esercizi, si ripropongono di creare dal nulla un narratore. Diverso e meno velleitario l’assunto di base che ha ispirato Guido Conti, scrittore e docente universitario, nell’ideazione dei dodici volumetti che compongono la collana La scuola del racconto – leggere per imparare a scrivere: in edicola in allegato al «Corriere della Sera» ogni giovedì, da oggi al 22 gennaio. Si parte dal presupposto che occorra leggere, e saperlo fare con consapevolezza, prima di cimentarsi con la scrittura (e forse anche con la vita): «Questo è secondo me l’approccio più interessante allo scrivere: porsi delle domande partendo dai testi e leggere i grandi autori per capire come creano. E il bello è che non ci sono regole a priori perché ognuno di loro insegna sempre qualcosa di nuovo a tutti».
Anton Čechov è il primo scrittore su cui si concentra l’analisi condotta con passione e competenza da Guido Conti, ricca di spunti e di rimandi ad altri autori, in particolare a Isaac B. Singer, a cui è dedicato un apposito capitoletto. Sia Čechov che Singer sono infatti noti soprattutto come autori di racconti ed è questa forma narrativa, così trascurata dal mercato editoriale, che Conti individua come palestra ideale per gli aspiranti scrittori: «Il racconto breve insegna a essere precisi, a non perdersi, a concentrarsi sul cuore tematico della narrazione e a lavorare su di esso, in modo originale. […] ad avere cura delle sfumature».
Dopo l’introduzione e la scomposizione critica dello Specchio deformante di Čechov, vi è la lettura comparata di un testo di Singer che ha anch’esso al centro lo stesso oggetto comune e misterioso e si intitola appunto Lo specchio; si passa poi a qualche indicazione più generica sulla forma racconto, a partire da alcune considerazioni di Čechov e dunque si offrono al lettore tre eccelsi scritti dell’autore russo, senza ulteriori apparati critici: Un uomo di conoscenza, Il grasso e lo smilzo, Uno scherzetto. Chiudono il volume una breve biografia di Anton Čechov e una bibliografia ragionata.
Insomma, è un’apprezzabile esortazione alla lettura e offre gli strumenti per farlo con maggiore consapevolezza tecnica – se poi sia utile anche per migliorare il proprio stile sta agli aspiranti scrittori decretarlo, intanto facciamoci raccontare da Guido Conti com’è nata l’idea.
Leggere per imparare a scrivere: come mai hai deciso di fare di questo invito il fondamento del tuo progetto?
Perché mi hanno sempre insegnato a riconoscere le diverse tipologie di scrittura e gli stili, e io stesso ho imparato a scrivere leggendo in modo particolare. Ci sono abissi tra la scrittura di Gadda e quella di Bilenchi, per esempio, o tra quella di Arbasino e quella di Fenoglio. Parise è uno scrittore delle reticenze e quindi è più ciò che non dice di quello che racconta. In questo progetto ho raccolto esperienze di anni di didattica e di riflessione sul rapporto che si deve avere con un testo, sui diversi modi di leggere. A Bologna negli anni Ottanta, alla Facoltà di Lettere, con il prof. Fabrizio Frasnedi, si facevano seminari e si leggevano pagine molto diverse, senza conoscere l’autore, cercando di capire come questi autori scrivessero. Ad un certo punto è come leggere la musica, senti la lingua, il ritmo, la costruzione della frase, quello che sta raccontando nasce sulla pagina in un certo modo, e ti accorgi subito se quello è uno scrittore vero. Oggi basta leggere tre pagine di un manoscritto e lo si butta nel cestino per almeno il 90% dei casi. La gente non sa scrivere perché non sa leggere bene, non impara dai grandi scrittori, e se ha una scrittura più o meno buona, spesso non ha nulla da dire e si sente che non ha un mondo letterario alle spalle. Io ho avuto grandi maestri più o meno noti ma soprattutto erano grandi lettori che mi hanno insegnato a capire la scrittura degli altri. Ho messo in questi libri anche il loro lavoro. Qui ho scelto di insegnare a leggere per imparare a scrivere, e spero che sia utile per qualcuno che voglia aggiornarsi nelle letture, nei modi di affrontare un testo, con strumenti e materiali scritti con semplicità ma mai banali nella sostanza e nelle idee che abbiamo voluto trasmettere con questo progetto allegato a un quotidiano importante come il «Corriere della Sera». Continua a leggere