Traduzioni di editori indipendenti

traduzioni indipendentiDal 23 al 25 marzo, a Milano ci sarà il Book Pride; per prepararvi all’atmosfera, ecco alcune interessanti opere straniere pubblicate da editori indipendenti e che ho letto con qualche mese di ritardo: American Dust di Richard Brautigan, Canzone d’amore da un tempo difficile di Ronald M. Schernikau, Il libro del mare di Morten A. Strøksnes, La ferrovia sotterranea di Colson Whitehead, L’ultimo degli Eltyšev di Roman Senčin.
(Io sarò con i libri di
TerraRossa allo stand V45, insieme a LiberAria: passate a trovarmi.)

American Dust di Richard Brautigan, minimum fax (traduzione di Luca Briasco)
Storie statunitensi di ordinaria disperazione raccontate dalla prospettiva ingenua del bambino strano e solitario che il narratore, ormai adulto, è stato a metà ’900. Vengono così ripercorse le vicende della sua sgangherata famiglia (padre assente, madre anaffettiva, sorelle evanescenti), costretta a vivere dei sussidi statali e spesso a traslocare, ma soprattutto rievocate le sue esplorazioni infantili; prima e dopo ogni ricordo, il pensiero viene però catalizzato dall’episodio che ha inesorabilmente marchiato il suo passato: un omicidio involontario. Brautigan annuncia subito la tragedia e poi accompagna il lettore sino al suo compimento con un’amarezza temperata dalla fiduciosa rassegnazione dei sopravvissuti.

Canzone d’amore da un tempo difficile di Ronald M. Schernikau, L’orma (traduzione di Stefano Jorio)
La ribellione negli anni ’70 di un adolescente omosessuale, straordinariamente sensibile e consapevole, contro i pregiudizi dei suoi coetanei, l’imbarazzo colpevole degli adulti, l’ottusità e l’inefficienza del sistema scolastico; lo spirito di rottura di quest’opera, scritta da un autore non ancora ventenne, si manifesta persino nella rinuncia ad alcune norme orto-sintattiche, per creare uno stile irriverente che ribolle di indignazione senza negare il desiderio e la speranza.

Il libro del mare di Morten A. Strøksnes, Iperborea (traduzione di Francesco Felici)
È un’enciclopedia marina in forma narrativa che si sviluppa intorno all’ambizione di due amici di dar la caccia al grande squalo della Groenlandia su un piccolo gommone. L’abilità principale di Strøksnes è quella di alternare ai dati scientifici il racconto delle vicissitudini dei protagonisti e un gran numero di curiosità, aneddoti e divagazioni che includono testimonianze di naviganti, esploratori e dotti di ogni epoca.

La ferrovia sotterranea di Colson Whitehead, SUR (traduzione di Martina Testa)
Con uno stile piano e diretto, Whitehead mostra l’assurda ingiustizia e la violenza della schiavitù negli Stati Uniti dell’800: l’ideazione di una ferrovia sotterranea e clandestina è il pretesto per percorrerli da sud a nord seguendo la drammatica fuga della protagonista verso la libertà. È all’impianto etico-politico, prima che a quello letterario, che sono ascrivibili le ragioni della vittoria del Premio Pulitzer e del National Book Award, nonché l’entusiasmo di un lettore d’eccezione come Barack Obama.

L’ultimo degli Eltyšev di Roman Senčin, Fazi (traduzione di Claudia Zonghetti)
È una provincia russa rurale e incarognita quella nella quale la famiglia Eltyšev è costretta a ritirarsi a causa delle ristrettezze economiche; Senčin ci mostra il loro inarrestabile precipitare verso un degrado che diventa anche morale, facendo emergere insieme all’angosciata rassegnazione anche la ferocia di chi fa i conti con la miseria. L’inevitabile abbrutimento e la solitudine dei protagonisti vengono rafforzati dallo stile asciutto, privo di leziosità o compiacimento anche quando si sarebbe potuto rappresentare lo sfogo della violenza. Romanzo cupo e abrasivo di grande potenza e attualità.

Annunci

One thought on “Traduzioni di editori indipendenti

  1. Maria Grazia Marunti ha detto:

    Una bella e interessante manifestazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...