TUMBAS. TOMBE DI POETI E PENSATORI di Cees Nooteboom, recensione

Tumbas_tombe di poeti e pensatori, Cees Nooteboom, IperboreaIl viaggio di Cees Nooteboom e Simone Sassen alla ricerca dei sepolcri di poeti e pensatori

Tumbas, tradotto per Iperborea da Fulvio Ferrari, è il resoconto dei viaggi dello scrittore Cees Nooteboom e della fotografa Simone Sassen alla ricerca dei sepolcri di letterati e filosofi che hanno segnato la storia della poesia e del pensiero, ma è anche e soprattutto la testimonianza del dialogo ininterrotto reso possibile dai loro scritti: «La maggior parte dei morti tace. Non dice più niente. Ha – letteralmente – già detto tutto. Per i poeti non è così. I poeti continuano a parlare». Si susseguono così ottantadue foto in bianco e nero di tombe o semplici lapidi scattate da Simone Sassen e seguite da un testo a cura di Cees Nooteboom. Un ricordo, un episodio biografico o alcune considerazioni sull’opera, con spunti talvolta illuminanti come «un dramma di Bernhard è una camicia di forza in cui ci si lascia infilare di propria volontà»; oppure: «Borges aveva sempre trattato l’invenzione alla stessa stregua della realtà, citando il maggior numero possibile di fonti e autori falsi, così che la realtà in alcuni dei suoi scritti è avviluppata entro una trama di affabulazione, o, quantomeno, di dubbio».
In alcuni casi, il profilo umano del letterato è tracciato attraverso una sua passione, come quella da entomologo di Nabokov, che collezionava farfalle, o attraverso il rapporto con una persona a lui vicina come la compagna: così di Cortázar (sulla cui tomba Nooteboom trova una bottiglia con ancora un fondo di assenzio) si racconta il suo ultimo e struggente viaggio con Carol, da Parigi a Marsiglia, e ci si sofferma sul carattere tirannico di Canetti attraverso le rinunce di sua moglie Veza. Spesso la foto è seguita da una semplice citazione, come per Baudelaire, Duchamp, Joyce, Keats, Neruda e altri, ma di maggior fascino sono i brani dal taglio narrativo in cui Cees Nooteboom riferisce il tragitto geografico e letterario che lo ha guidato o rievoca il suo rapporto personale col defunto, è il caso per esempio della scrittrice e saggista Mary McCarthy, alla quale lo legava una sentita amicizia.
I nomi seguono in Tumbas l’ordine alfabetico, spaziando dall’Occidente all’Oriente, rappresentato, tra gli altri, dal premio Nobel Kawabata e dalla cortigiana Murasaki, capace di raffigurare in Storia di Genji il Giappone del X secolo parlando a lettori di ogni epoca e latitudine. Il criterio con cui è stato orientato il pellegrinaggio è lo stesso Cees Nooteboom a chiarirlo nella suggestiva Introduzione: «Ho fatto loro visita perché sono parte della mia vita, perché la mia vita l’hanno accompagnata nei modi più diversi e in diversi momenti. A volte si è trattato di poeti nel senso tedesco del termine, come nell’espressione Dichter und Denker, scrittori e filosofi, il che significa: accanto a Celan e Dante, anche Descartes e Wittgenstein, Mann e Kafka, e a volte, come nei casi di Borges e di Joyce, una combinazione dei due aspetti. Per me sono voci vive».
Il fil rouge di quest’opera allora non è tanto la morte, quanto la lettura, con i legami che instaura e le impronte che imprime: «Il lettore è la cera, la poesia è il sigillo».

Dal taglio simile, tra saggio e narrazione, nella stessa collana c’è anche Anime baltiche di Jan Brokken:
https://giovannituri.wordpress.com/2015/02/17/anime-baltiche-di-jan-brokken-recensione-about-short-stories/

Qui invece un’intervista al direttore editoriale di Iperborea, Pietro Biancardi:
https://giovannituri.wordpress.com/2015/11/26/intervista-a-pietro-biancardi-editore-iperborea/

 

Annunci

One thought on “TUMBAS. TOMBE DI POETI E PENSATORI di Cees Nooteboom, recensione

  1. […] di Selma Lagerlöf, La notte di Natale; e un libro di cui andiamo particolarmente orgogliosi, Tumbas dell’autore olandese Cees Nooteboom, anche quest’anno tra i favoriti al Nobel: un libro che […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...