IL PARADISO DEGLI ANIMALI di David James Poissant, recensione – About short stories

Il paradiso degli animali_David James Poissant_copertinaIl paradiso degli animali, esordio del californiano David James Poissant

Ho cominciato a leggerla un po’ prevenuto, perché temevo fosse il solito prodotto delle scuole americane di scrittura creativa (formalmente impeccabile, sostanzialmente inconsistente), invece Il paradiso degli animali di David James Poissant è una raccolta di racconti per la quale esser grati alla NN Editore che l’ha pubblica e a Gioia Guerzoni che l’ha tradotta. Poissant dimostra in questo esordio alcune doti rare persino se prese singolarmente: ha delle ottime intuizioni narrative, ma non si limita a imperniare su queste interi racconti; rivela un’acuminata capacità introspettiva, ma rifugge dallo psicologismo spicciolo, limitandosi a scegliere personaggi ordinari (al più forzandone un po’ il carattere); sa indagare il disagio contemporaneo, senza però rendere claustrofobici gli orizzonti; scuote l’emotività del lettore, ma non indugia nel sentimentalismo (sebbene si conceda qualche leziosità retorica).
A rafforzare l’empatia con i personaggi è anche il frequente ricorso alla prima persona, che ci rende partecipi del loro spaesamento, delle loro risoluzioni, dei loro errori; come nel bel racconto di apertura, L’uomo lucertola: «L’anno scorso mio figlio ha sfondato la finestra del soggiorno. L’avevo spinto io. Non ricordo esattamente com’era successo. Ricordo di essere entrato in sala. Ricordo di aver visto Jack con la bocca sulla bocca di un altro ragazzo e le mani che si muovevano rapide sul suo inguine». Ancora più efficace il ricorso alla seconda persona in quello che è forse il testo più bello della raccolta, Come aiutare tuo marito a morire: ricorda l’altrettanto splendido racconto di apertura di Baci scagliati altrove di Sandro Veronesi; qui però si tratta di guidare non un uomo (l’autore stesso) durante il trapasso dei propri genitori, ma una donna comune cui tocca assistere e sostenere il marito malato, reagendo e simulando per preservare qualche scheggia di serenità: «In un attimo capirai cosa vi aspetta. Lo saprai con la stessa certezza con cui hai sempre capito che è un tumore, e che tuo marito non vedrà un’altra estate. E, veloce come è arrivata, nascondi quella piccola rivelazione, spingila sotto le coperte del tuo cervello, e chiedi all’uomo in camice bianco qual è la mossa successiva».
Se qualcosa nel Paradiso degli animali può lasciare perplessi è proprio la comparsa degli animali, talvolta inessenziale e non sempre riscontrabile, nonostante l’intento sottolineato sul risvolto di copertina di porre questa presenza come contrappunto e allegoria dell’agire umano – non si tratta del resto di una silloge concepita unitariamente, ma di una selezione di racconti apparsi su riviste e periodici. Condivisibile invece la citazione di Keren Russell in cui si citano tra i modelli di David J. Poissant, oltre a Flannery O’Connor, George Saunders (del quale però rinuncia agli eccessi buonisti) e Raymond Carver (la cui carica drammatica viene però attenuata, come nei bei testi di Amy Hempel). In ogni caso, l’arte del racconto oltreoceano è ancora vitale e capace di sorprendere, la neonata NN Editore pure.

Qui le recensioni di altre raccolte di racconti:
https://giovannituri.wordpress.com/tag/about-short-stories/

Annunci

5 thoughts on “IL PARADISO DEGLI ANIMALI di David James Poissant, recensione – About short stories

  1. […] Recensione su BooksHighway di Marco Denti Recensione su Amica di Pietro Cheli Segnalazione su Holden & Company Segnalazione su online casino 105 Network Recensione su Minima Et Moralia Recensione su Rivista Studio Recensione su Repubblica Segnalazione su Una Casa sull”albero Segnalazione su Little Miss Book Segnalazione su Passione per i libri Recensione su Via dei Serpenti Recensione su Poetarum Silva Recensione su Holden And Company su GiovanniTuri […]

  2. Amanda ha detto:

    Mi hai convinto, me lo segno

  3. Valeria Martalò ha detto:

    bella recensione! me lo segno pure io 🙂

  4. Giovanni Turi ha detto:

    Son contento e spero possa piacervi: fatemi sapere! 😉

  5. […] Le cose che non facciamo di Andrés Neuman (SUR); ma occorre assolutamente menzionare anche Il paradiso degli animali di David James Poissant (NN) e La donna che scriveva racconti di Lucia Berlin (Bollati […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...