Le letture da spiaggia che non ti aspetti

libri da spiaggiaEcco alcuni dei libri che gli italiani si sono portati sotto l’ombrellone

Da sempre ho l’abitudine di fare lunghe passeggiate in riva al mare, da diversi anni ho anche il vizio di contorcermi per scoprire i titoli dei libri che i villeggianti hanno tra le mani, quest’estate ho iniziato a chiedere di che testo si trattasse quando la copertina era occultata dalle dita o ripiegata.
Dopo un iniziale disorientamento (interrompere la lettura è sempre motivo di fastidio) e qualche diffidenza (diversi devono aver pensato che fossi dell’Euroclub), tutti si sono dimostrati cordiali e ben disposti, con qualcuno mi sono persino intrattenuto per una breve chiacchierata – del resto, come dimostra l’hashtag #letturedatreno proposto tempo addietro su Twitter da Angela Rastelli, la curiosità per le letture altrui è alquanto diffusa.
Quali gli esiti della “ricerca”? Innanzitutto l’evidente assenza di un best-seller estivo: nessun testo ha infatti catalizzato la curiosità dei lettori occasionali negli ultimi mesi e scalato le classifiche di vendita (Grey, la variante maschile delle Cinquanta sfumature di grigio, sembra aver suscitato un tiepido interesse, così come l’ultimo vincitore del Premio Strega, La ferocia di Nicola Lagioia). Occorre anche rilevare che il numero dei lettori è sempre drammaticamente basso: in stabilimenti con oltre un centinaio di ombrelloni occupati, raramente ho individuato più di quattro o cinque persone con un libro tra le mani – e talvolta si trattava  di stranieri. Se poi erano prevedibili anche la scarsità di opere pubblicate da piccoli editori e la prevalenza della narrativa, tutt’altro che scontati si sono dimostrati i titoli: siamo portati a credere che in spiaggia si leggano quasi esclusivamente opere poco impegnative, invece mi sono imbattuto sì in numerosi thriller e polpettoni sentimentali (tra cui comunque un solo Harmony), ma anche in saggi non sempre divulgativi, in diversi romanzi di innegabile qualità letteraria e, soprattutto, in molti classici.
Quest’ultimo dato mi pare il più interessante e rimarca come in un mercato sovraffollato di testi poco significativi e in cui le proposte mutano di continuo, il lettore comune si senta disorientato e preferisca dedicarsi a opere e autori consacrati dalla tradizione; oltretutto, dei classici è più facile trovare un’edizione economica o magari una copia nella libreria di casa o in biblioteca: vantaggio non da poco visto che i prezzi di copertina sembra stiano tornando a salire (il costo medio delle novità Adelphi, Einaudi o Mondadori si aggira intorno ai 18 euro).
Iniziano a essere meno rari gli e-reader, anche se davvero esigui rispetto a smartphone e tablet (in un paio di casi mi sono avvicinato per scoprire che non si era concentrati su un e-book ma su qualche gioco o impegnati a scattar foto). Confermata poi la netta prevalenza di lettrici (quasi il 62% del campione) rispetto ai lettori e, a dispetto delle statistiche, di over 35 rispetto ai giovani – per discrezione non ho chiesto l’età, per cui quest’ultimo dato è molto approssimativo. Infine due curiosità: si incontrano molti più lettori di pomeriggio, quando evidentemente c’è meno confusione, ed è piuttosto frequente che chi legge si accompagni ai propri simili (forse il buon esempio è ancora il miglior canale di diffusione della lettura, o forse gli esemplari in estinzione cercano di aggregarsi nel disperato tentativo di far sopravvivere la specie).
Ed ecco, dunque, l’elenco dei libri che ho appuntato su un piccolo block-notes, ormai unto di crema solare e irrigidito dalla salsedine:

AA.VV., Vive come l’erba (signora);
Clarín, La Regenta (ragazza);
Allende, Il gioco di Ripper (signora);
Andersen, Passione fuori controllo (ragazza);
Angela, I tre giorni di Pompei (ragazza);
Bannalec, Natura morta in riva al mare (ragazza con e-reader);
Bannalec, Un caffè amaro per il commissario Dupin (ragazza austriaca);
Baricco, Emmaus (signora);
[x2] Baricco, La sposa giovane (ragazza e signora);
Barker, L’anello dei Faitoren (ragazza);
Barra, Verrà il vento e ti parlerà di me (signora);
Baum, Il mago di Oz (ragazza);
Bergoglio, Laudato si’ (signora);
Bianchini, Dimmi che credi al destino (signora);
Blandino, La camera bella (ragazza);
Bucciarelli, Io ti perdono (signora);
Bulgakov, Il Maestro e Margherita (ragazza);
Buzzati, Un amore (signore);
Calvino, Se una notte d’inverno un viaggiatore (ragazza);
Canevaro, Nascere fragili (signore);
Carofiglio, Il bordo vertiginoso delle cose (signore);
Carrère, Il Regno (signore);
Coben, Promets-moi (signora francese);
[x2] Coelho, Adulterio (ragazza e signore);
Dapino (a cura di), India del Nord (ragazza);
De Giovanni, Vipera (signore);
De Gregorio, Mi sa che fuori è primavera (ragazza);
De Luca, La parola contraria (signore);
De Mello, Messaggio per un’aquila che si crede un pollo (signora);
De Wohl, Giovanna la fanciulla guerriera (signore);
Dostoevskij, Le notti bianche (signore);
Dumas, Il conte di Montecristo (ragazza);
Felice, Ascesa e declino (signore);
Gamberale e Gramellini, Avrò cura di te (ragazza);
Genisi, Spaghetti all’assassina (signora);
Goethe, Viaggio in Italia (ragazzo);
Eggers, L’opera struggente di un formidabile genio (ragazza);
Ellroy, Perfidia (ragazza);
Ferrante, Storia della bambina perduta (signora);
Fitzgerald, Il grande Gatsby (signore);
Follet, La cruna dell’ago (signore);
Forster, Camera con vista (ragazza);
Foster, La ragazza della porta accanto (ragazza);
Franzen, Le correzioni (signore);
Haddon, Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte (signore);
Hansen, Altes land (ragazzo austriaco);
Haijassan e Najafi, Non si può incatenare il sole (signora);
Halter, Khadija (ragazza francese);
Hesse, Siddharta (ragazza);
Houellebecq, Sottomissione (signore inglese);
James, Cinquanta sfumature di nero (signora);
[x4] James, Grey (due ragazze, una signora e un signore);
Jonasson, Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve (ragazza);
Kafka, La metamorfosi e altri racconti (signore);
Kinsella, Dov’è finita Audrey? (signora con e-reader);
Kyle, American sniper (signore);
Läckberg, La sirena (signora);
Lagioia, La ferocia (signora);
Letta, Costruire una cattedrale (signore);
Malvaldi, Il telefono senza fili (ragazzo);
Manzini, La costola di Adamo (signora);
Márquez, L’amore ai tempi del colera (ragazzo);
Martin, Il trono di spade. Libro quinto delle Cronache del ghiaccio e del fuoco (ragazzo con e-reader);
Melville, Moby Dick (signora);
Meyer, Twilight (ragazza);
Morante, L’isola di Arturo (ragazzo);
Murakami, Uomini senza donne (ragazza);
Murakami, Dance dance dance (ragazza);
Nesbø, La stella del diavolo (signora);
Nesbø, Polizia (signore);
Nevo, La simmetria dei desideri (signora);
O’Farrell, Istruzioni per un’ondata di caldo (signora);
Orwell, La fattoria degli animali (ragazza);
Palahniuk, Cavie (signore con e-reader);
Palahniuk, Gang bang (ragazzo);
Parrella, Troppa importanza all’amore (signora);
Pirandello, Sei personaggi in cerca d’autore (signore);
Radziwill, Ritrovarsi a Manhattan (signora);
Ray, Il seme dell’Apocalisse (signore);
Riley, Il segreto della bambina sulla scogliera (signora);
Roberts, Cronache del rock (ragazzo);
Rollins, Artico (ragazzo);
Rowling, Harry Potter e i doni della morte (ragazzo);
Rowling, Harry Potter e il calice di fuoco (ragazza);
Rowling, Harry Potter e l’Ordine della Fenice (signora);
Rowling sotto lo pseudonimo di Robert Galbraith, Il richiamo del cuculo (signore inglese);
Salinger, Il giovane Holden (ragazza);
Sánchez, Entra nella mia vita (signora);
Sansom, L’enigma del gallo nero (signore);
Satrapi, Persepolis (ragazza);
Schmitt, Ulisse da Baghdad (signora);
Severgnini, La vita è un viaggio (signore);
Shemilt, Una famiglia quasi perfetta (signora);
Silone, Fontamara (ragazzo);
Simenon, La camera azzurra (ragazza);
Smith, Il dio del deserto (signora);
Sparks, Un segreto nel cuore (ragazza);
Stajano, Un eroe borghese (signore);
Svevo, La coscienza di Zeno (ragazzo);
Tan, I cento sensi segreti (signora);
Temporin, I risvegli ametista (ragazza);
Torday, L’irresistibile eredità di Wilberforce (signora);
Tremain, La casa della seta (signore);
Vacca, Anche tu fisico (ragazzo);
Vargas, La trilogia Adamsberg (signore);
Vargas, Tempi glaciali (signora);
Vitali, Biglietto, signorina (ragazza con e-reader);
Vitali, Le belle Cece (signora);
Williams, Stoner (signore);
Zafón, L’ombra del vento (ragazzo).

Se vi andasse di indicare nei commenti quali opere avete visto leggere o vi siete portati al mare, il sondaggio ne trarrà giovamento.
Le mie rilevazioni sono avvenute nel mese di agosto a Castellaneta Marina (TA) e, lunedì 24, ai Ripari di Giobbe (CH) – ne approfitto per ringraziare la “cuginata” per il sostegno costante e gli amici che mi hanno accompagnato nelle perlustrazioni con ammirevole pazienza (in particolare Claudio, Flavia, Manisha, Marinicla e Ugo).

Annunci

28 thoughts on “Le letture da spiaggia che non ti aspetti

  1. miscarparo70 ha detto:

    Philippe Djian, 37° 2 al mattino (sì, è stata “colpa” tua)
    Joan Didion, Prendila così
    Ben Lerner, Nel mondo a venire
    Manganelli, Centurie
    Foster Wallace, Brevi interviste a uomini schifosi

    Sto dimenticando di certo qualcosa… ma fa lo stesso.
    Maschio, over 35 😉

    • Giovanni Turi ha detto:

      Spero che il romanzo di Djian ti sia piaciuto!
      Anche le tue, letture da spiaggia mica tanto. 😉

      • miscarparo70 ha detto:

        La scrittura di Djian (insieme a quella della Didion) mi è piaciuta molto. Anche la storia mi è piaciuta abbastanza, per quanto stia sviluppando una certa idiosincrasia nei confronti di scrittori che scrivono romanzi il cui protagonista scrive (e ne ho collezionate ben tre, quest’estate, perché anche DFW spesso parla di se stesso scrivente!) 🙂
        Le ferie sono il momento migliore per leggere impegnato: c’è tempo e tutta la testa è a disposizione, senza le distrazioni del quotidiano…

    • miscarparo70 ha detto:

      Ecco cosa avevo dimenticato: Saramago, Cecità

  2. Alessandro Madeddu ha detto:

    “La fille du train” di Paula Hawkins. Lo leggeva una bella francese che mi rimarrà nel cuore.

  3. Demian ha detto:

    Da me (Calabria) ho visto legger poco, e comunque più di pomeriggio che di mattina, ma ipotizzo sia per causa del sole che di mattina è troppo forte e riflette troppo sul bianco della carta.
    Son riuscito a sbirciare solo Middlesex di Eugenides in inglese.
    Di mio ho letto a tratti Auster, Peano, Magris, Tyler, Everett.

    • Giovanni Turi ha detto:

      Grazie mille anche a te.
      (E i titoli?)

      • Demian ha detto:

        Figurati 🙂 Mi interessa come piccola statistica. Sono per quanto possibile anch’io uno “sbircione” letterario. Dunque, i titoli sono:
        Nel paese delle ultime cose di Auster
        L’invenzione della madre di Peano
        Un altro mare di Magris
        Moto ondoso stabile e altri racconti della Tyler
        Percival Everett di Virgil Russell di Everett

  4. Rosa per caso ha detto:

    Le confessioni di Max Tivoli, di Andrew Sean Greer
    L’amica geniale, di Elena Ferrante
    Todo es silencio, di Manuel Rivas (libro magnifico, che purtroppo non è stato tradotto in italiano, ma che consiglio di cuore a chi legge in spagnolo).
    Grazie per l’interessante sondaggio!

  5. giuseppeceddia ha detto:

    Devo dire che pensavo peggio… con la mediocrità che c’è in giro, fortunatamente alcuni lettori “sani” ancora resistono.
    Mi permetto di elencare quali son stati i miei libri dell’estate (escludendo quelli “lavorativi”):

    Jeanette Winterson, Il cancello del crepuscolo (Mondadori); sulla caccia alle streghe successiva alla famosa Congiura delle Polveri in Inghilterra. Un romanzo, a suo modo, gotico.

    Villy Sorensen, Storie strane (Del Vecchio); bellissimi racconti da un maestro della narrativa danese.

    Edgar Hilsenrath, Il nazista e il barbiere (Marcos y Marcos); uno dei grandi romanzi della tradizione tedesco-ebraica, una bella e a tratti sarcastica rivisitazione delle contraddizioni della storia.

    Castle Freeman, Via con me (Gone with me) (Marcos y Marcos); Non il solito noir, molto di più; dialoghi di una secchezza straordinaria, cinematografici al punto giusto. Un romanzo che è un pugno nello stomaco.

  6. rO ha detto:

    Signora: La Lentezza di Milan Kundera, Quattro Racconti di Jane Austen, La Tempesta di William Shakespeare, Il Racconto dell’Isola Sconosciuta di Josè Saramago e numerosi manga sentimentali.

  7. amanda ha detto:

    Ultimo giro al mare: Mauro Covacich, La sposa. Bompiani

  8. Massimo ha detto:

    Tra quelli elencati letto quest’estate -la bella Cece- di Vitali e l’ultimo di Fred Vargas -tempi glaciali-. E anche uno di jonasson ma non quello indicato ma -l’analfabeta che sapeva contare.
    Letti tutti e tre in e-reader.
    C’è da dire, rispetto a questo, che amazon ogni giorno mette tre o quattro titoli a prezzo molto scontato (offerta flash) ed è facile farsi tentare. Così alla fine si hanno parecchi libri da leggere senza neanche averli quasi ‘scelti’. Per esempio la bella Cece e l’analfabeta che sapeva contare acquistati così a 1 euro circa in ebook

    • Giovanni Turi ha detto:

      Grazie, Massimo, per la tua testimonianza: in effetti è interessante verificare quanto e come le offerte influiscano sulle scelte dei lettori (ed è uno dei motivi per cui con la legge Levi si è cercato di limitare gli sconti sui testi cartacei – sconti che potevano permettersi solo i grandi gruppi editoriali che posseggono anche librerie e distributori).

  9. Giovanni Turi ha detto:

    Ecco altri dati sulle letture estive raccolti dai commenti su Facebook:
    AA.VV., Maltese narrazioni #33 – Paranoia;
    Buzzati, Il deserto dei Tartari;
    Carrión, Librerie;
    Cortázar, Componibile 62;
    Cortázar, Rayuela;
    Cossé, La prova nascosta;
    De Giovanni, Anime di vetro;
    Ferrante, Storia della bambina perduta;
    Jeannerod, Le cerveau intime;
    King, La lunga marcia;
    Malzberg, Oltre Apollo;
    Manzini, Era di maggio;
    Mazzoni, I destini generali;
    Nesbø, Sangue e neve;
    Noll, Finché brama non ci separi;
    Piccirillo, La terra del sacerdote;
    Rinaldi, Rosso caldo;
    Sciascia, Una storia semplice;
    Wells, Nel Paese dei Ciechi.

  10. claudia ha detto:

    Io ho beccato: Nemesi (Roth), letto da una ragazza (over 35), Il Potere del cane (Don Winslow), ragazza, In tutti i sensi come l’amore (S. Vinci), ragazzo, Gli uomini della signora (Luca Beatrice) ,letto da signore, La giostra degli scambi (Camilleri). Questi non in villeggiatura, ma nei parchi di Bologna.
    🙂

  11. Laura Blandino ha detto:

    Molto lieta che il mio “La camera bella” abbia tenuto compagnia a una ragazza anche sotto il bel sole di Castellaneta Marina e Ripari di Giobbe. 🙂

  12. Devilkirby ha detto:

    il mio é stato: Brugnolo e Mozzi, Ricettario di scrittura creativa.
    Sulle spiagge libere che ho frequentato, non ho visto quasi nessuno leggere libri. L’unico che ricordo è Hawking, Dal Big Bang ai buchi neri (ragazzo)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...