STO BENE, È SOLO LA FINE DEL MONDO di Ignazio Tarantino

Tarantino_Sto bene e` solo la fine del mondo_PIATTO

La mia recensione pubblicata sulla «Gazzetta del Mezzogiorno» di ieri

Sto bene, è solo la fine del mondo (Longanesi) è il romanzo d’esordio del monopolitano Ignazio Tarantino e racconta la storia della sua contrastata giovinezza tra impulsi di vita e dettami religiosi. L’autore fa i conti con il proprio passato attraverso la figura del protagonista, Giuliano, che assiste alla conversione di sua madre e dei suoi fratelli al credo dei testimoni di Geova e, prima ancora di comprenderne le ragioni, spinto dal loro amore è costretto ad adeguarsi: «In quel momento capii che entravo definitivamente in un mondo a parte, che non sarei stato come gli altri bambini […]: loro non dovevano stare a pensare se fosse giusto o sbagliato fare una determinata cosa».

L’autore è abile nel mostrare la realtà prima con lo sguardo ingenuo di un bambino di sei anni, che deve ad esempio rinunciare al Natale e alla condivisione della quotidianità ludica con i coetanei; poi con quello curioso di un ragazzino, costretto a rinnegare l’amore corrisposto per Sara e ad accettare la morte del fratello perché i suoi cari impediscono la “sacrilega” trasfusione; infine con quello problematico di un giovane, che non vuole privarsi dell’affetto dei propri cari, ma non può più accettare di continuare a vivere in quella che inizia a percepire come una menzogna.

Una prospettiva cruciale in tutto il romanzo, oltre a quella religiosa e ai suoi condizionamenti, è rappresentata proprio dall’analisi delle dinamiche e delle tensioni famigliari: le violenze del padre burbero e manesco vengono gradualmente sostituite da quelle psicologiche della madre infervorata, così come la complicità tra i fratelli è via via corrosa dai sospetti di apostasia.

Nonostante qualche leggerezza da esordiente, come il finale un po’ precipitoso, Sto bene, è solo la fine del mondo è comunque una convincente opera prima e a Tarantino, che da quasi vent’anni ha lasciato la sua terra e la sua famiglia, va anche riconosciuto il merito di non aver voluto indulgere su quei particolari folkloristici e nostalgici che connotano tanta della “letteratura pugliese” per dare alla sua scrittura l’orizzonte più ampio di una denuncia contro ogni forma d’integralismo, a prescindere dalle coordinate storico-geografiche.

Annunci

2 thoughts on “STO BENE, È SOLO LA FINE DEL MONDO di Ignazio Tarantino

  1. […] Tarantino ha recentemente esordio con il romanzo Sto bene, è solo la fine del mondo pubblicato da […]

  2. […] Sto bene, è solo la fine del mondo, di Ignazio Tarantino (Longanesi) […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...