Ian McEwan sulla scrittura

IanMcEwan

Ian McEwan, Bbc Radio 3, novembre 2000
(Appendice al romanzo Espiazione, traduzione di Susanna Basso, Einaudi)

Ho cinquantadue anni e mi dedico seriamente alla scrittura da quando ne avevo ventuno. Spesso mi capita di domandarmi se scrivere stia diventando più facile. Temo che la risposta sia no. A quanto pare scrivere non è un’attività che si semplifica con l’andare del tempo; non è possibile “buttare giù” un romanzo solo perché fai questo mestiere da qualche decennio. Certe volte mi pare che la questione si riduca a un problema di forma fisica: scrivere richiede un’enorme quantità di energia. Invecchiare non aiuta. È fondamentale convincersi di avere tra le mani qualcosa di nuovo, di fresco, qualcosa che sia decisamente diverso da tutto ciò che l’ha preceduto, anche se può trattarsi solo di un’illusione. […] Con il passare degli anni sai sempre qualcosa di più sulle tue abitudini mentali, sulla struttura dei tuoi pensieri. Diventi molto scettico e vuoi evitare il più possibile di ripeterti. Continuo a credere che tra un romanzo e l’altro sia necessario inserire un pezzo di vita; mi pare che ogni romanzo debba essere scritto da una persona leggermente diversa.

Qui alcuni consigli di Ian McEwan agli aspiranti scrittori:
http://www.youtube.com/watch?v=Kyfe6DljGPY

Annunci

7 thoughts on “Ian McEwan sulla scrittura

  1. amanda ha detto:

    “mi pare che ogni romanzo debba essere scritto da una persona leggermente diversa.”
    ecco questo mi piace molto

  2. VirginiaMcFriend ha detto:

    Altro che Umberto Eco e il lector in fabula! Per diventare uno scrittore, o almeno provare ad esserlo, ecco cosa suggerisce Ian McEwan:
    “Continuo a credere che tra un romanzo e l’altro sia necessario inserire un pezzo di vita; mi pare che ogni romanzo debba essere scritto da una persona leggermente diversa.”
    Essere uno, nessuno e centomila, insomma.

  3. Tale's Teller ha detto:

    “Certe volte mi pare che la questione si riduca a un problema di forma fisica: scrivere richiede un’enorme quantità di energia. Invecchiare non aiuta.”

    Da tatuare (speculare) sulla fronte di tutti i furbacchioni convinti che scrivere sia un modo per far soldi senza fare nessuna fatica.

    • Giovanni Turi ha detto:

      potrebbe funzionare, ma mi sembra un po’ cruento… 😉

      [P.S. ben tornato da queste parti!]

      • Tale's Teller ha detto:

        Ad ognuno la sua forma di violenza.
        Loro massacrano l’italiano ed il buon gusto, mi sembra che qualche taglietto sulla fronte non sia molto peggio. ^_*

        Grazie grazie. Ultimamente sono stato troppo assorbito dallo scrivere ed ho un arretrato mostruoso di post non letti… con un po’ di pazienza cercherò di rimettermi in pari.

  4. Tale's Teller ha detto:

    L’ha ribloggato su il dilettevole dilettarsi del dilettantee ha commentato:
    Di molto interessante…

  5. SoniaLambertini ha detto:

    L’ha ribloggato su sonia lambertini.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...